SECONDI, trippa

Trippa alla veneta di mia madre

15 maggio 2010

 

Premetto: sono in sciopero, è vero, ma questo post era già pronto da una settimana e la foto pure…

Pensare che a mia madre non è mai piaciuto cucinare… in questi ultimi anni invece è diventata bravissima, e che impegno ci mette!!! Talmente brava che non ho potuto resiste a quel delizioso aroma… ho mangiato la TRIPPA per la prima volta in vita mia, squisita. Certo non ho termini di paragone ma cucinata con le patate e le carote è appetitosa. Come ho già detto varie volte, le ricette di mia madre non hanno le dosi, quindi approssimativamente…

Lavare molto bene la trippa e tagliarla e stiscioline. Mettere tutti gli odori (sedano, cipolla, aglio, prezzemolo, una scorzetta di limone), tritati grossolanamente, in una pentola con un po’ d’olio e.v.o. e aggiungere una foglia d’alloro (che poi andrà tolta). Unire la trippa e cuocere fino a far ritirare tutto il liquido che si è formato. Aggiungere un bicchiere di vino bianco e quando è sfumato mettere un po’ di concentrato e un po’ di passata di pomodoro. Tagliate le patate e le carore a tocchetti, metterle insieme alla trippa, aggiungere un peperoncino e portare a cottura 8circa due ore e trenta minuti). Se serve aggiungere altra passata di pomodoro.

Non ci sono commenti

Rispondi