Visualizza Tag

curcuma

curcuma, insalata, VARIE, VEG, VEGETARIANO, VERDURE

Smoothie, questo sconosciuto

2 luglio 2015

Qualche giorno fa Daniel Dal Ben del blog Daniela&Diocleziano mi ha invitata a partecipare alla sua raccolta SUMMER DETOX, una raccolta dedicata a smoothies, frullati vegetali, zuppe fredde, cocktail ecc… bene io non sapevo niente sull’argomento, anche se gli smoothies sono “il tormentone dell’estate 2015” ed è facile trovarne ovunque, riviste, libri, blog, mi sono dovuta documentare ed in pratica si tratta di bevande a base di ortaggi alle quali si può aggiungere frutta, succhi e spremute, latte, yogurt, gelati, sorbetti, erbe, spezie, ecc… 

smoothie (1)

Sono partita da una base  di pomodori misti, sedano, carote e basilico alla quale ho aggiunto curcuma, cipolla fresca bianca, lattuga riccia. Si può partire dalla base di ortaggi e aggiungere uno solo di questi ingredienti personalizzando a proprio gusto la bevanda detox.

smoothie (7)

Da tempo ho scoperto che il sedano è un alimento, anzi uno dei super alimenti, di cui non si può fare a meno e cerco di mangiarne un po’ tutti i giorni quindi non poteva mancare in questo smoothie, è ricco di fibre, aiuta la digestione eliminando i gas nell’apparato digerente, riduce trigliceridi e colesterolo, è ricco di vitamina A, consumato crudo contrasta la ritensione idrica; si iniziamo a trovare pomodori maturi buoni e saporiti, ovviamente sarebbe meglio che fossero biologici come il resto degli ortaggi perchè come per la frutta, la buccia contiene sostanze benefiche per il nostro organismo tra cui il licopene, un antiossidante naturale in grado di proteggere le nostre cellule dall’invecchiamento; le carote sono quasi prive di grassi e ricche di fibre, queste che ho usato sono arancioni ma esistono anche rosse, bianche, gialle o nero/viola e sono ricche di beta-carotene utile per contrastare i radicali liberi; il basilico ha proprietà antinfiammatorie e aiuta la digestione, non tutti sanno che è un ottimo alleato anche per capelli e pelle; per quanto riguarda la curcuma sembra che abbia in se tante di quelle proprietà benefiche che viene definita una spezia magica, a me piace molto e la uso sempre con tutte le preparazioni che prevedono il pomodoro perchè ne riduce l’acidità; la cipolla bianca, fresca, è un potente antibatterico e soprattutto in estate andrebbe consumata cruda; infine l’indivia riccia è ricca di vitamina A e K, è diuretica ed ha un effetto saziante.  Continue reading “Smoothie, questo sconosciuto” »

DOLCI, RICETTE, SPEZIE e SEMI, VEG, VEGETARIANO

La torta “Paradiso” di Marco Bianchi

22 maggio 2014

torta paradiso senza 019

Oggi è Santa Giulia, patrona della mia città, festa che la maggior parte dei livornesi passa al mare, sugli scogli del Romito o negli stabilimenti balneari che aprono per la stagione estiva, per farsi la tintarella. Io per iniziare bene la giornata ho preparato una torta speciale, la torta “paradiso” di Marco Bianchi, un perfetto esempio di golosità, bontà e salute. 

torta paradiso senza 025

Ieri si è anche conclusa l’avventura vegana. Ho voluto affrontare questi 21 giorni per comprendere, e toccare con mano, cosa veramente fosse l’alimentazione vegan. La curiosità e la voglia di imparare nuove ricette, specialmente se salutari, mi ha fatto ritrovare in un gruppo di più di 5.000 persone creato su facebook. Un gruppo suddiviso in onnivori e vegetariani propensi a passare ad un’alimentazione vegana (dove ero collocata io) e tutor e vegani. Potete ben immaginare la varità di persone e personalità che ho virtualmente incontrato in questi 21 giorni, anche 40 se contiamo che il gruppo è partito con una preparazione di qualche settimana per passare in maniera più graduale da un’alimentazione all’altra. Ogni settimana l’organizzatrice postava la lista della spesa che ci sarebbe servita per preparare le ricette dei menù che ogni giorno ci proponeva. Io ho sempre fatto, come mia abitudine, la spesa di giorno in giorno per avere frutta e verdura fresca. Il viaggio è stato accompagnato da un -anzi due- tutor disponibile per rispondere a dubbi o elargire chiarimenti e da compagni di ventura con i quali confrontarsi.

torta paradiso senza 028

Devo dire che c’è stato un buon rispetto reciproco tra vegani ed onnivori, qualche dubbio ed un po’ di confusione. E’ stato evidente che indipendentemente dal tipo di alimentazione seguita, ci fossero delle lacune nei riguardi dell’alimentazione in generale. Si può mangiare vegano e mangiare male, così come essere onnivori e avere un’alimentazione equilibrata e corretta. La buona, nel senso di sana, alimentazione parte dall’acquisto degli alimenti. Comprare frutta e verdura fresca, di stagione, coltivata in zona ed in maniera il più possibile naturale, come quella biologica, è un buon punto di partenza;è importante imparare a leggere le etichette dei prodotti in scatola, dai biscotti ai legumi, dalla pasta ai pelati al latte o quant’altro è fondamentale per evitare conservanti, coloranti, aromi artificiali e chimici, zuccheri e sali aggiunti, ogm, ecc…; l’auto-produzione è un’abitudine da adottare e non sottovalutare per essere sicuri di mangiare cibi sani. si può preparare una scorta di confetture e conserve per tutto l’anno, coltivare erbe aromatiche sul terrazzo o avere un piccolo orto nel giardino con carote, ravanelli, pomodori ed insalata. Chi ha più dimestichezza e tempo può prepararsi in casa anche pane e pasta, dolci, biscotti, merendine, ecc… E’ chiaro che se per fare il pane viene usata una farina raffinata tipo 00 o un lievito chimico, il pane potrà risultare buono per il palato ma meno per la nostra salute.  Non voglio entrare nel merito della motivazione etica che porta le persone a cambiare alimentazione a favore della dieta vegana perchè nel rispetto della scelta non capisco il motivo per cui non sia etico consumare il miele. Ci sono state varie discussioni, pacifiche, sul fatto di consumare o meno le uova di galline allevate come figlioli o al fatto di non acquistare borse di pelle, camicette in seta o maglioni di alpaca, io non ho intenzione di esprimermi in merito e con questo chiudo l’argomento motivazioni. Da oggi torno a mangiare da onnivora, più consapevole, arricchita dalla nuova esperienza, con una visione sempre più vegetariana dell’alimentazione, facendo ancora più attenzione alla salute nello scegliere ricette ed ingredienti, diminuendo carne e derivati e se li consumerò cercherò di accertarmi che provengano da allevamenti biologici come per le uova di gallina BIO, come ho detto in altre occasioni in medio stat virtus.

torta paradiso senza 021

La ricetta che vi propongo oggi è salutare, adatta a tutti. Marco Bianchi, autore di molti libri sull’alimentazione, si definisce “divulgatore scientifico nella squadra del Prof. U.Veronesi e cuoco amatoriale salutare ma con gusto”, definizione perfetta direi. Ho aumentato di 20 g lo zucchero perchè nonostante non sia amante dei dolci con soli 80 g per me era veramente troppo poco. Il libro da cui ho tratto la ricetta lo trovate in libreria, si intitola “Un anno con Marco Bianchi” edito da Ponte alla Grazie.

torta paradiso senza 022

Torta Paradiso di Marco Bianchi

(con qualche piccola modifica negli ingredienti )

  • 80 g di farina integrale
  • 80 g di frumina
  • 200 g di farina 0
  • 100 g di zucchero integrale di canna
  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 500 ml di latte di soia
  • 60 g di olio di girasole
  • 2 bustine di lievito vegan
  • la scorza grattugiata di 2 limoni
  • zucchero a velo x decorare (una mia aggiunta facoltativa)

In una ciotola sciogliere lo zucchero nel latte, aggiungere gli altri ingredienti e mescolare fino ad amalgamarli tutti senza formare grumi. Cuocere in forno già caldo a 180° per circa 40 minuti. lasciar raffreddare, spolverare con un po’ di zucchero a velo e servire.