finocchi, MENU', PESCE, prezzemolo, sgombro, VERDURE

Insalata di finocchi e sgombro; nuovo regime alimentare per la prima settimana del nuovo anno

3 gennaio 2013

Dopo le grandi mangiate ci vuole un giro di vite, ci vuole un nuovo regime alimentare sobrio, drenante e sano. Bene, per qualche giorno a pranzo mangerò una bella insalata di finocchi con un cucchiaio di semi misti ed uno sgombro cucinato in padella con un filo d’olio, uno spicchio d’aglio, un po’ d’acqua e una spolverata di prezzemolo all’ultimo, tutto senza sale. Questo è il pranzo, in alternativa allo sgombro un altro pesce azzurro o carne bianca ai ferri tipo hamburger di tacchino o petto di pollo alla griglia. Niente vino, niente birra, questa è la cosa più triste, la più difficile, la più brutta!

Per incoraggiare questo nuovo regime alimentare mi sono informata sulle proprietà di questi sfiziosi semi sul sito www.cure-naturali.it:

semi di girasole – “semi di girasole sono, tra i semi oleosi, quelli che vantano il più basso contenuto calorico, sono composti infatti per circa il 45% da grassi, per il 20-28% da proteine e per circa il 23% da carboidrati.
Prezioso l’elevato contenuto vitaminico: vi troviamo infatti grandi quantità di vitamine B1, B2, B6, B12, A, D e E.  
Ottima fonte per l’organismo di magnesio, ferro, cobalto, manganese, zinco erame. Tra gli acidi grassi essenziali vantano un buona presenza di acido clorogenico, acido linoleico e acido folico.

I semi di girasole esistono in tre varietà e ognuna di queste vanta delle proprietà:

  • i semi di girasole bianchi sono particolarmente ricchi di acido linoleico (omega-6), un acido grasso essenziale apprezzato per le proprietà antitumorali e per la prevenzione di arteriosclerosi e del diabete. L’acido linoleico inoltre favorisce l’accrescimento di massa magra rispetto a quella grassa.
  • Nella varietà nera questi semi sono particolarmente ricchi di ferro, manganese e zinco (impiegati nel metabolismo dei grassi e importanti per la crescita) oltre che di fibre, ottime nelle diete dimagranti per l’aumento del senso di sazietà e preziose per l’attività intestinale.
  • I semi di tipo striato sono molto utili per il corretto funzionamento dell’intestino.

In generale, i semi di girasole, sono molto nutrienti senza eccedere nei grassi e per l’alto contenuto di magnesio sono alleati del cuore e potenti antistress.
Ideali per controllare il colesterolo e per prevenire malattie cardiovascolari e arteriosclerosi.

L’alto contenuto di vitamina B12 è fondamentale per il sistema nervoso.”

semi di zucca – “Considerati i “parenti poveri” della famiglia dei semi oleosi, sono in realtà un alimento molto nutriente e contengono principi attivi davvero unici. Sono composti da grassi per circa il 50%, da carboidrati per il 24% e per circa il 18% daproteine. Ricchi di minerali come magnesio, zinco e selenio, di vitamina E, ma soprattutto di cucurbitina, un prezioso amminoacido dalle proprietà curative e vermifughe conosciute sin dall’antichità.

semi di zucca sono usati da sempre come rimedio naturale contro i vermi: l’efficace azione vermifuga di questi semi porta al distaccamento dei parassiti dalle pareti intestinali agevolandone l’espulsione.
L’assunzione costante di questi semi ha inoltre un’azione benefica sul tono muscolare della vescica: aiuta a prevenire i disturbi legati all’ingrossamento della prostata ed è utile in generale a combattere i disturbi che interessano l’apparato urinario, anche femminile, come infiammazioni e cistite.

semi di lino – “L’alto contenuto di minerali (in particolare fosforo, rame, magnesio e manganese), di proteine (20%) e lipidi (40%) fanno dei semi di lino delle piccole preziose perle di salute.
Tra i componenti di questi semini è d’obbligo menzionare gli acidi grassi polinsaturi, capostipiti degli Omega 3 e Omega 6, ma soprattutto la presenza di mucillagini.

Conosciuti da sempre per le loro proprietà emollienti e protettive, i semi di lino sono molto utili per combattere infiammazioni interne (ottimi ad esempio in caso di cistite) o esterne a livello epidermico.

Un altro principio benefico dei semi di lino è dato dall’alta percentuale di mucillagini. Queste sostanze di origine vegetale hanno un potere lassativo e sono coadiuvanti nella prevenzione della stipsi.
Gli acidi grassi Omega 3 e Omega 6 sono inoltre un prezioso contributo per  la salute dell’intero organismo e un valido aiuto per il corretto funzionamento del  sistema immunitario. “

 

2 Commenti

  • Reply letiziando 3 gennaio 2013 at 17:59

    Mi piace davvero molto questo “nuovo regime”, tanto a me il vino e la birra non piacciono 😉

  • Reply Enrica 5 gennaio 2013 at 07:30

    @Letiziando: niente vino e niente birra!!!! Non ci posso credere, io li amo MOLTO!!

  • Rispondi