Visualizza categoria

fagiolini

aglio, alghe, cipolle, creme, fagioli, fagiolini, Fornitori, PRIMI, RICETTE, VEGETARIANO, VERDURE

Crema di farro e cannellini freschi con verdure primaverili

5 giugno 2017

La primavera giunge all’improvviso, la natura esplode regalandoci verdure fresche, colorate e ricche di nutrienti ma dura poco, l’estate è così vicina che colgo l’attimo per preparare una ricetta che alla primavera si addice perfettamente, sana e gustosa per il progetto #SiamoGolosiani unendo alle verdure fresche i prodotti NuovaTerra che già conoscevo e già utilizzato come la quinoa ed il miglio.

Il progetto #SiamoGolosiani rispecchia perfettamente la mia idea di cucina, sana, con prodotti di stagione e provenienti da produttori locali. Una delle cose che mi rende felice è andare al mercato la mattina molto presto dove trovo i banchi colmi di verdura fresca, ormai da anni mi affido al banco di Antonio e Giusy, Il Re dell’Insalata, che come me sono sempre alla ricerca di produttori locali dei quali conoscono il tipo di coltivazione, è una questione di fiducia così come per i prodotti Nuova Terra, una linea che nasce dal rispetto della terra con particolare attenzione alle materie prime.

Per questa ricetta ho usato il farro perlato biologico e l’alga Ulva Lactuca, lattuga di mare in fiocchi, ricca di vitamina C e calcio e potassio. Avete mai fatto caso al profumo che si sprigiona durante la cottura del farro? Sembra il profumo del pane appena sfornato ed il sapore di questo farro perlato insieme ai cannellini freschi basterebbe già per soddisfare il palato e i fagiolini, i piattelloni, le zucchine, i cipollotti con l’aglio fresco completano il piatto.

Crema di farro e cannellini con verdure primaverili

per 4 persone

  • 100 g di farro perlato Bio Nuova Terra
  • 200 g di fagioli cannellini freschi già sgranati
  • 1 foglia di alloro e 2 di salvia
  • 500 ml di brodo vegetale (preparato con sedano, carota e cipolla)
  • sale
  • 100 g di fagiolini verdi
  • 100 g di piattelloni
  • 2 zucchine (circa 120 g)
  • 1 cipollotto presco
  • 1 spicchio di aglio fresco
  • 1 cucchiaio di lattuga di mare in fiocchi Nuova Terra
  • pepe nero
  • olio evo

Per la crema

Sciacquare il farro e lessarlo in acqua salata bollente per 15 minuti. Scolare. Lesare i cannellini con uno spicchio d’aglio intero,  2 foglie di salvia ed una foglia di alloro per circa 40 minuti. Eliminate la salvia e l’alloro e scolate. In un recipiente a bordo altro frullare il farro ed i cannellini insieme a mezzo litro di brodo vegetale. Salare.

Per le verdure

A parte lessare i fagliolini e i piattelloni precedentemente spuntati e lavati. Tagliateli a pezzetti grossi. Poi prendere una padella in cui far appassire il cipollotto fresco in 2 cucchiai d’olio, unire le zucchine tagliate a cubetti piccoli e cuocere per 10 minuti. Aggiungere un cucchiaio abbondante di alghe in fiocchi, i fagiolini ed i piattelloni. Saltare per un minuto, salare, pepape e togliere dal fuoco. Comporre i piatti mettendo in ogni ciotola da minestra un mestolo colmo di crema di farro e fagioli e 2 o 3 cucchiai di verdure. Condire con un filo d’olio e servire.

Potete trovare le mie ricette anche qui http://www.nuovaterra.net/i-golosiani/siamo-golosiani/una-cena-con-enrica/

acciughe, fagiolini, insalata, lattuga, patate, PIATTO UNICO, pomodori

Le tante varianti dell’insalata nizzarda

1 giugno 2015

Dopo questa abbuffata di torte e gelati rimettiamoci in forma e passiamo alle insalate; oggi ricetta-non/ricetta. Ora non è che si può passare da un gelato con caramello, meringa, amaretti, panna e tartufini al cioccolato ad una misera insalata verde, ci vuole una giusta via di mezzo e l’insalata nizzarda è la ricetta giusta. Credo che ci siano molte varianti ed una sola ricetta originale ma quale sia veramente non è dato sapere, ad esempio ho trovato scritto che l’originale salade niçoise tipica del sud della Francia comprende negli ingredienti peperoni e carciofi mentre io la conoscevo con patate e fagiolini oltre all’insalata mista, pomodori, uova sode, acciughe sotto sale, cipolla, olive nere e tonno… In una versione ci sono i capperi, in un’altra l’aglio, in un’altra ancora i cetrioli e i baccelli freschi sgranati, qualcuno mette i ravanelli, altri il basilico o il prezzemolo, c’è chi sostituisce il tonno con il salmone affumicato e chi aggiunge cubetti di pane tostato. Probabilmente ognuno aggiunge e toglie, come per la nostra toscanissima panzanella, quello che preferisce assecondando il proprio gusto. Per il condimento le versioni invece sono tutte abbastanza concordi nell’usare olio extravergine d’oliva, aceto (bianco o rosso che sia), sale, pepe e senape.

insalata nizzarda (22)insalata nizzarda (6)

Io la preparo come l’ho sempre mangiata, anche a Nizza, ovvero con misticanza, pomodori, olive nere snocciolate, tonno sott’olio, acciughe dissalate, cipolla rossa, fagiolini e patate novella, l’uovo sodo oggi non lo metto altrimenti che dieta sarebbe, a qualcosa bisogna pur rinunciare.

insalata nizzarda (31)

 

fagiolini, patate, PRIMI, RICETTE, testaroli, VERDURE, zucchine e fiori di zucca

Testaroli, zucchine e fagiolini…

11 giugno 2012

Ultimamente non sono stata molto presente sul blog perchè mi sono concessa il lusso di cucinare alcune ricette di altri blog a cui proprio non ho potuto resistere; bicchieri di mirtilli e amaretti di Letiziando, grazie alla confezione di biscotti ricevuta nel pacco per aver vinto il contest Cib’arte di Simona e i crackers con limone e arancia di Serena, per fare due esempi, per il resto cucina di ordinaria amministrazione… ed oggi eccomi qua per l’appuntamento con Ambra del mese di giugno con zucchini e fagilolini.

“I testaroli sono un piatto molto semplice tipico della Lunigiana, tra la Liguria e la Toscana. Sono fatti con acqua e farina e si preparano mescolando gli ingredienti in una pastella fluida cotta a legna per alcuni minuti a formare una specie di crespella di alcuni millimetri di spessore. La cottura avviene in particolari contenitori chiamati testi, anch’essi di origine antica, un tempo in terracotta oggi anche in ghisa.” (da Wikipedia)

Testaroli con pesto di zucchine, fagiolini e patate

  • 1 confezione di testaroli
  • 250g di fagiolini
  • 3 patate
  • olio e.v.o.
  • sale

per il pesto di zucchine

  • 5  zucchine con il fiore
  • 50 g di pistacchi
  • 1 spicchio di aglio fresco
  • 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato
  • sale e pepe

Lavare le zucchine, staccare i fiori e cuocerle a vapore. Lasciarle raffreddare e metterle mortaio insieme ai pistacchi, l’aglio, il parmigiano, i fiori e l’olio. Pestare con l’apposito attrezzo fino ad ottenere una crema. Aggiustare di pepe e sale. Portare ad ebollizione una capiente pentola d’acqua, salare e cuocere i testaroli insieme ai fagiolini e le patate tagliate a cubetti. Scolare, unire il pesto di zucchine e un filo d’olio.

Con questa ricetta partecipo al contest Piccola Bottega di Campagna del GattoGhiotto per il mese di giugno, in collaborazione con Malvarosa Edizioni, fino al 25.06.12