Visualizza Tag

piselli

asparagi, carciofi, cipolle, Concorso, fave/baccelli, minestre, piselli, PRIMI, Ricette, VEG, VEGETARIANO, VERDURE

Zuppa d’erbe di primavera per la Voglia di… Orto in tavola

13 May 2014
zuppa d'erbe primaverili 040

zuppa d'erbe primaverili 040

zuppa d'erbe primaverili 058

In toscana con la parola”erbe” si intendono “verdure” in generale, non solo quelle a foglia come la bietola il cavolo nero o la verza ma anche tutte quelle verdure fresche che troviamo in primavera: carciofi, piselli, asparagi, fave o baccelli e cipollotti. Questo è il momento più bello per girare negli orti, sono l’inizio della bella stagione e di tanti ortaggi e verdure gustose. Alcune delle verdure che ho usato per questa ricetta sono del mio piccolo orticello, altre le ho colte nell’orto della mia amica che vivendo in campagna ha la possibilità di coltivare uno spazio di terra notevole ed altre ancora (gli asparagi) le ho comprate.

zuppa d'erbe primaverili 018

zuppa d'erbe primaverili 022

zuppa d'erbe primaverili 009

zuppa d'erbe primaverili 013

zuppa d'erbe primaverili 002

Anche gli orti delle scuole elementari della mia città sono pieni di primizie; si avvicina la data della festa degli Orti in condotta (ne ho già parlato qui nel 2012 e qui nel 2013) e gli alunni si stanno preparando al raccolto dopo un anno di lavoro e dedizione, risultato ogni anno più soddisfacente grazie all’entusiasmo e alla disponibilità delle maestre e di Valentina Gucciardo, responsabile del progetto Orto in condotta per Slow Food Livorno. 

zuppa d'erbe primaverili 059

zuppa d'erbe primaverili 057

Zuppa d’erbe di primavera

  • 4 carciofini
  • 1 mazzo di asparagi
  • 300 g di piselli freschi
  • 2 manciate di baccelli
  • 2 cipollotti freschi
  • 1 litro di brodo vegetale
  • olio evo
  • sale e pepe qb
  • le radici dei cipollotti
  • 1 cucchiaio di zucchero integrale di canna
  • qualche goccia di aceto balsamico
  • pane toscano (a piacere)

Lavate e mondate bene tutte le verdure e tenete da parte le radici dei cipollotti che laverete bene e bollirete per venti minuti, scolerete e asciugherete bene (gli altri scarti li potete utilizzarli per fare uno sformato come quello di foglie di carciofi che trovate qui) . In una pentola capiente far appassire i cipollotti tagliati finemente. Aggiungere i piselli, i baccelli, i carciofi e gli asparagi tagliati finemente. Quando le verdure si saranno insaporite aggiungere il brodo e cuocere per circa 45 minuti. Nel frattempo scaldare un cucchiaio d’olio in una padellina antiaderente, mettere le radici dei cipollotti a soffriggere per 5 minuti, aggiungere lo zucchero e l’aceto per caramellarle. Con l’aiuto di una forchetta create dei nidi che metterete sulla zuppa servita nelle singole scodelle accompagnata, se lo gradite, da fette di pane toscano leggermente tostato.

zuppa d'erbe primaverili 045

raccolta-mag-giu-def1Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Sonia di “Oggi pane e salame, domani…” “Voglia di… l’orto in tavola”, fino al 30 giugno

asparagi, baccalà, PESCE, piselli, Ricette, VERDURE, zucchine e fiori di zucca

Baccalà di primavera

30 April 2013
baccalà di primavera 014

erbe spontanee 029

Il baccalà è buono. Lo cucino semplicemente lesso con un filo d’olio, alla livornese, alla fiorentina, con i porri, mantecato, il baccalà è sempre buono e questo è il principio base che mi ha spinto a preparare questa ricetta primaverile.

baccalà di primavera 002

baccalà di primavera 022

La mia raccolta di erbe spontanee continua, grazie a Michela ho imparato a riconoscere la cicerbita e la sulla, sono ancora alla ricerca del tarassaco e continuo a trovare gli asparagi selvatici. Dopo una serie di pastasciutte e frittate ho pensato di preparare il baccalà in padella cucinato con quest’ultimo mazzo di asparagi insieme alle verdure primaverili, piselli e zucchinette, quelle piccole di color verde chiaro, dolci.

baccalà di primavera 023

 

baccalà di primavera 014

Baccalà di primavera con asparagi selvatici

  • 800 g di baccalà (a noi piace tanto e lo mangiamo come piatto unico quindi ne preparo circa 1 kg – 1,2 kg)
  • 1 mazzo di asparagi selvatici tagliati a piccoli pezzetti fino a che sono morbidi
  • 4 piccole zucchinette tagliate a rondelle
  • 2 h di pisellini freschi sgusciati
  • sale e pepe nero macinato fresco
  • olio evo
  • 1 cucchiaio di cipolla bianca tritata finemente

In una padella far appassire la cipolla, unire le verdure e cuocere per 5 minuti girandole continuamente e salare. Aggiungere il baccalà tagliato a pezzi e portare a cottura coprendo la padella con il coperchio. Salare (se necessario) e pepare e servire subito.

banner ricette spontanee

Con questa ricetta partecipo al contest di Ambra de Il Gatto Ghiotto Ricette Spontanee, in collaborazione con il Rifugio Meira Garneri, fino al 15 maggio 2013

Antipasti, piselli, pollo, Ricette, riso, Uova

Polpette di riso, piatto unico per piccoli gourmet

7 March 2012
polpette di riso 010

Questo è il risultato dell’uso degli avanzi di un sabato pomeriggio… Non siete mai state ingaggiate per organizzare la presentazione di “pentole” in casa vostra con tanto di dimostrazione pratica? A me è accaduto sabato scorso. Elisa è venuta a casa mia con un bel sorriso e un trolley pieno di pentole, la spesa l’avevo fatta io seguendo le sue indicazioni: 2 carote, 2 patate, 1/2 cavolfiore, 1 pera, 1 salsiccia, 1/2 petto di pollo, 1 bicchiere di riso, 1 bicchiere di piselli surgelati, parmigiano e sottilette. Non starò a raccontarvi tutto quello che ha cucinato e quanto siano intelligenti ed ecologiche le pentole (sulle quali sto meditando), vi dico solo che il giorno dopo con il riso ai piselli, le carote e il petto di pollo avanzati ci ho preparato questi “arancini” di riso. Il tocco floreale lo ha aggiunto la piccola cuoca, questi stuzzichini primaverili le sono stati regalati da “zia” cris… si,si, proprio lei!

Polpette di riso

  • circa 2 porzioni di riso ai piselli avanzato
  • 1 carota lessa tagliata a cubetti
  • 1/2 peto di pollo arrosto tagliato a pezzi piccoli
  • 1 cucchiaio di parmigiano reggiano
  • sale
  • 1 uovo
  • pangrattato
  • olio per frigere

In una ciotola capiente mettere il riso, il parmigiano, le carote e il pollo, aggiustare di sale e amalgamare bene con un cucchiaio. Preparare delle polpette poco più grandi di una noce, passarle prima nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato. Friggere le polpette per qualche minuto girandole un paio di volte fino a doratura. Mettere su carta assorbente o scottex casa e servire calde.

Lo so che il fritto non è troppo sano, noi lo consumiamo pochissimo ma se si seguono pochi accorgimenti (mantenere l’olio a 98° e usare olio adatto) credo che in casa lo si possa mangiare qualche volta per far felice anche i bambini, quindi…

 …con questa ricetta partecipo al contest a prova di bimbo di diariodicucina , per la categoria ANTIPASTI/SNACK, fino al 9 marzo 2012

…e sotto consiglio di Monica…

 …partecipo anche al contest piovono polpette di imparandocucinando, fino al 13 marzo 2012

basilico, fave/baccelli, piselli, PRIMI, Ricette, stracciatella

Lasagne con fave, piselli e besciamella alla vaniglia e basilico

18 May 2011
piselli 002

Ogni tanto faccio finta di essere una fotografacreativa e questi sono i risultati. Sono affascinata dalle foto di quelle blogger che sfornano manicaretti e foto meravigliose… io pasticcio un po’ ma mi diverto tanto! Dopo aver sbucciato un chilo di piselli e un chilo di fave mi sono premiata con un bel piatto di lasagne! Si, lasagne di fave e piselli con stracciatella e una delicata besciamella fatta con vaniglia e foglie di basilico; a me piace!

Lasagne fave e piselli con besciamella alla vaniglia e basilico

  • 1 confezione di lasagne sfoglia velo Giovanni Rana
  • 1 dose di besciamella
  • 600 g di piselli freschi
  • 400 g di fave fresche
  • 200  g di stracciatella (o mozzarella)
  • 1 cipollina fresca
  • 1 bacca di vaniglia
  • 10/12 foglioline di basilico
  • sale
  • olio e.v.o.
  • burro

Preparare la besciamella con le dosi indicate: sciogliere il burro a fuoco lento in un pentolino della capacità di un litro circa. Aggiungere la farina setacciata.
Mescolare con la frusta e aggiungere il latte senza smettere di usare la frusta. Aggiungere la stecca di vaniglia aperta a metà per la lunghezza e continuare con la cottura mescolado fino a raggiungere la consistenza desiderata. Togliere la stecca di vaniglia (i semini si saranno dispersi nella besciamella) e aggiustare di sale e aggiungere le foglie di basilico spezzettate con le mani. Scottare per qualche minuto i pisellie le fave in acqua bollente salata, scolare e saltare in padella con la cipolla tritata finemente per una decina di minuti. Salare.. Ungere una pirofila con un po’ di burro e comporre le lasagne con uno strato di pasta per lasagne, besciamella, fave e piselli, stracciatella e ancora lasagne fino ad arrivare al bordo bella pirofile. Finire con qualche ricciolo di burro sull’ultimo strato e infornare a a80° per circa trenta minuti.

 Con questa ricetta (sotto segnalazione di Cristina, sempre vigile, non le sfugge mai niente!)  partecipo al contest fantasie con il basilico di Mamma in pentola, fino al 31 maggio.

carciofi, cipolle, fave/baccelli, piselli, VERDURE

Carciofi, fave e piselli in agrodolce

9 May 2011
carciofi, fave e piselli

Ricettina veloce, monodose, del lunedì mattina con le verdurine appena comprate, sbucciate, pulite e lavate; carciofi, fave, piselli e cipollina fresca. Un contorno agro-dolce, appetitoso, gustoso, mi è piaciuto tantissimo! Me lo dico da sola ma la soddisfazione di tornare a casa dall’ufficio e in 10 minuti preparare una buona pietanza è tanta. Ieri avevo sbucciato i piselli e le fave alle quali ho tolto anche la buccetta dura che le riveste, quindi il grosso del lavoro era già fatto; in una padella ho fatto appassire la cipolla fresca in 2 cucchiai di olio e.v.o., ho aggiunto un carciofotagliato a spicchietti sottili, una manciata di piselli, una manciata di fave con un po’ di sale grosso e ho fatto cuocere per 5 minuti. Poi ho aggiunto un cucchiaino raso di zucchero di canna e un cucchiaio di aceto di mele e ho lasciato che il tutto si caramellasse. Ecco fatto, pronto in tavola e mangiato accompagnato da un bicchiere di vino rosso, Leopoldo I di Toscana.

piselli, PRIMI, Ricette, riso

Risi e bisi alla veneziana

10 May 2010
piselli 007

La mia mamma, da brava veneta, è bravissima a fare i risotti. Questo però non è proprio un risotto,  deve risultare una via di mezzo tra un risotto e una minestra. Se si utilizza il brodo vegetale invece di quello di carne, si possono mettere le bucce dei piselli (se siete sicuri che non siano trattate) in un litro di acqua salata e si fanno cuocere per un’ora. Mia madre fa tutto a occhio, senza pesare niente, per voi ho usato le dosi della ricetta di un libr, “ricette italiane”, che consulto spesso. Questo piatto ha una storia; i veneziani il 25 aprile, per la “festa del Bocolo“, lo offrivano al Doge. A Venezia infatti (oltre alla Liberazione) si commemora la morte del Santo Evangelista Marco, Patrono della città di Venezia ed è’ usanza, tra i veneziani, far omaggio di un “bocolo”, ovvero un bocciolo di rosa, alle mamme e alle fidanzate.

Risi e bisi

  • 250 gr di riso Vialone Nano
  • 1 kg di piselli piccoli e freschi
  • 2 cipollotti freschi
  • 2 fette di pancetta arrotolata
  •  prezzemolo tritato
  • 1 l di brodo
  • 1 cucchiaio di olio e.v.o.
  • 50 g di burro
  • 50 g parmigiano grattugiato
  • sale

Dopo aver sgusciato i piselli tritare i cipollotti e una manciata di prezzemolo. in una casseruola scaldare l’olio è 25 g di burro, far soffriggere il trito e la pancettatagliata a dadini. quando la pancetta è appassita aggiungete i piselli e 2 mestoli di brodo caldo. Coprire e far stufare i piselli per 10-15 minuti. Unire il brodo rimasto e il riso, portare a cottura girando spesso con il mestolo di legno. Fuori dal fuoco mettete il parmigiano e il burro rimasto per mantecare, regolate di sale e servire ben caldo.