Visualizza categoria

mascarpone

cavolfiore, CONCORSI&CONTEST, Fornitori, LUOGHI&FOTO, mascarpone, melograno, PRIMI, RICETTE, riso, VEGETARIANO

Riso al cavolfiore e melograno mantecato con mascarpone – #ilpalagiaccio

15 novembre 2016

Siamo già a novembre, siamo passati dalle Zucche di Halloween alle vetrine natalizie in un batter d’occhio. In questo autunno che ci mette a dura prova con cambi repentini di temperature, da sole a pioggia, da magliette a maniche corte a piumini imbottiti e poi ancora caldo ed il giorno dopo freddo. Un’alternanza a cui fatico ad adattarmi. E così anche in cucina è difficile aver voglia di un buon minestrone caldo quando fuori ci sono ventisei gradi ma non ho riesco neanche più a mangiare panzanella e caprese, questi poveri pomodori avranno pur diritto a riposarsi dopo l’estate.

11-002collage

Anche questo mese volevo partecipare alla sfida degli ingredienti ma sono stata tratta in inganno a causa di una incomprensione dialettale, diciamo così, ed ho sbagliato ingredienti. A Livorno il cavolo, detto anche “la palla, è il cavolfiore e quindi nella dicitura cavolo/venza ho pensato che ci fosse la possibilità di scegliere tra cavolo come cavolfiore e verza come cavolo verza, del resto nel mese di ottobre tra gli ingredienti facoltative c’era la dicitura camembert/brie che sono due formaggi diversi e si poteva scegliere tra uno dei due. Poco male, dopo un breve momento di gloria, la mia ricetta è uscita dalla gara. Sarà per la prossima volta.

riso-con-cavolo-e-melograno-mentecato-al-mascarpone-7riso-con-cavolo-e-melograno-mentecato-al-mascarpone-53

Mi consolo con questo risotto, che anche se con gli ingredienti sbagliati, è un lodevole comfortfood, uno di quei piatti che scaldano le fredde giornate di Novembre. Per mia natura e per esperienza, sono fermamente convinta che alla base di un buon piatto ci siano buoni ingredienti e per buono intendo di qualità. Diffido sempre di quei ristoranti che hanno piatti troppo complicati con una serie di ingredienti infinita, specialmente quando sono ristoranti di basso/medio livello (i grandi chef fanno parte di un altro pianeta); o sei uno stellato e quindi sai come abbinare tanti ingredienti, sai come armonizzarli ed esaltarli o secondo il mio modesto parere sarebbe meglio non azzardare troppo e mantenere un profilo più contenuto. Per avere un ottimo risultato basta saper scegliere la materia prima, fresca, di stagione, locale e meglio ancora conoscere produttori per poterci fidare di ciò che usiamo ed io nel mio piccolo scelgo il mascarpone del Palagiaccio, fattoria che ho visitato che da un latte squisito produce latticini molto buoni, il cavolfiore dell’orto e il melograno dell’albero in giardino. Il risultato è garantito.

riso-con-cavolo-e-melograno-mentecato-al-mascarpone-48riso-con-cavolo-e-melograno-mentecato-al-mascarpone-18

Riso con cavolfiore e melograno mantecato con mascarpone

  • 320 g di riso Carnaroli
  • mezzo cavolfiore
  • 1 melograno maturo
  • 3 cucchiai di MASCARPONE Il Palagiaccio
  • 1 cucchiaio d’olio
  • sale
  • pepe bianco macinato fresco

Lavare il cavolfiore, tagliarlo a cimette e cuocerlo a vapore. Mettere a bollire il riso in acqua leggermente salata. Nel frattempo aprire il melograno, tenere da parte due cucchiai di chicchi interi ed estrarre dalla parte restante il succo. In una casseruola saltare le cimette di cavolfiore con l’olio schiacciandole con la forchetta, salare, scolare il riso tenendo da parte un po’ d’acqua di cottura ed unire al cavolfiore. Mantecare il tutto con il mascarpone, macinare un po’ di pepe bianco e versare il riso nei piatti. In ogni piatto aggiungere qualche chicco di melograno ed un cucchiaio di succo di melograno. Servire.

CON QUESTA RICETTA PARTECIPO AL MASCARPONE CONTEST DELLA FATTORIA IL PALAGIACCIO

biscotti, DOLCI, FRUTTA & AGRUMI, lamponi, mascarpone, more, RICETTE

Tartellette more e lamponi…ancora more e buffe foto!

27 agosto 2011

Diciamo subito che non sono responsabile di queste foto, cioè del collage di foto ideate e realizzate da motociclisti affamati e spiritosi!!! Io mi ero diligentemente concentrata sugli ingredienti e sulle varie fasi di lavorazione e di montaggio di queste tartellette; ho fatto appena in tempo a scattare l’ultima foto del dolcetto finito quando sono stata presa di sorpresa da questo gioco goliardico: usare le mie tartallette come tappo del serbatoio e contachilometri… che dire, sono ragazzi… Foto a parte, questi dolcetti da frigo sono deliziosi.

Tartellette con more e lamponi (dose per 12 tartellette)

  • 100 g di biscotti secchi
  • 60 g di burro fuso
  • 30 g di zucchero semolato
  • 30 g di zucchero vanigliato
  • 200 g di mascarpone
  • more e lamponi q.b. + 1 cucchiaio di zucchero semolato

Tritare i biscotti nel mixer per pochi secondi. In una ciotola mescolare i biscotti, lo zucchero semolato e il burro fuso. Mescolare bene con una forchetta e stendere uno strato del composto in ogni stampo schiacciandolo bene con una superficie liscia. Mettere in frigo in modo che il burro si solidifichi. Intanto preparare la crema; con una forchetta girare energicamente il mascarpone con lo zucchero vanigliato. In un pentolino cuocere per qualche minuto le more e i lamponi con un cucchiaio di zucchero. Stendere uno strato di crema al mascarpone sulla base di biscotti e infine aggiungere il composto di more e lamponi.

…e buffe foto di motociclisti audaci…

 

FINGER FOOD, gorgonzola, mascarpone, miele, philadelphia, RICETTE, sedano

Due ricette con sedano e gorgonzola

24 febbraio 2010
Ancora gorgonzola…che ci devo fare; mi piace! Questa crema morbida è buona da gustare con crostini e grissini o con le crudité: sedano, carotine, cipollotti freschi, ecc…
Crema al formaggio e sedano
  • 250 g di Philadelphia
  • 200 g di gorgonzola
  • un cuore di sedano verde
Schiacciare il gorgonzola (senza crosta naturalmente) con una forchetta e lavorarlo bene con il Philadelphia fino ad ottenere una crema omogenea. Incorporatevi le costole di sedano private dei filamenti e tagliate a dadini molto piccoli. Servite con le crudité che più vi piacciono, tagliate a listarelle regolari lunghe circa 15 cm.
                                                                                                                                                      
Questa invece è la prima ricetta che ho sperimentato con il miele (Mielizia) ricevuto in omaggio alla cena dei “tre gamberi” a Milano (presa dal libricino “sorprendentemiele, curiosità e ricette sfiziose” anche questo gentilmente omaggiato).
Gambi di sedano al miele di Acacia di Piemonte e Lombardia con mousse di gorgonzola e mascarpone
  • 1 sedano intero
  • 50 g di mascarpone
  • 40 g di gorgonzola
  • 1 cucchiaino di miele di Acacia
  • 1 pizzico di sale
Pulire i gambi di sedano e tagliarli in pezzi uguali. Preparare una mousse con il mascarpone, il gorgonzola, il miele e un pizzico di sale. Disporre la mousse all’interno dei gambi di sedano con l’aiuto di una sac à poche, tenere in frigo fino al momento di servire.