bietola, ceci, LEGUMI, PRIMI, RICETTE, VERDURE

Cacciucco di ceci in due versioni

24 ottobre 2014

Il cacciucco di ceci è una tipica ricetta toscana che poco ha a che vedere con il più famoso cacciucco alla livornese, altro piatto tipico di pesce della regione ed in particolare di Livorno. Conoscevo la ricetta, letta e riletta tante volte sui libri di cucina regionale ma non l’avevo mai cucinata sottovalutandola, errore gravissimo. La ricetta classica prevede l’uso del pomodoro, le bietole e i filetti di acciuga sotto sale; qualche sera fa però, mentre preparavo cena e guardavo la trasmissione condotta da Annamaria Tossani “Aspettando il TG”, la mia attenzione è stata catturata dalla ricetta di Poalo Gori, l’ospite di quella puntata, che spiegava come preparare il cacciucco di ceci con il vino rosso, del buon vino rosso ovviamente.

ceci e bietola 019

E’ stato amore a prima vista; il giorno dopo sono andata a comprare un mazzo di bietole al mercato, qualche acciuga sotto sale e dei ceci già lessati biologici per provare subito questa succulenta ricetta,  non ho messo a mollo i ceci secchi perchè, durante la trasmissione, Paolo Gori ha spiegato che i ceci, come i fagioli, si conservano benissimo e quindi anche quelli già cotti e confezionati sono ottimi e molto più pratici. Questo è uno dei tanti suggerimenti e consigli di cui faccio tesoro seguendo la trasmissione di Annamaria e sia lei che i suoi ospiti, oltre alla ricetta che presentano,  hanno un bagaglio di esperienze e segreti interessanti da raccontare.

ceci e bietola 022

Ricetta provata e approvata dalla famiglia che l’ha messa nella top 10 delle migliori ricette di casa, non so se mi sono spiegata… a me è piaciuta moltissimo anche perchè ricorda molto la ricetta delle seppie inzimino di nonna Nerina ma questa ha il vantaggio di essere certamente più economica e molto leggera senza togliere niente al gusto.  Altra notizia interessante e da sperimentare è che Paolo Gori è il cuoco (così leggo sul sito) della trattoria Da Burde a Firenze, antica bottega di famiglia che originariamente vendeva un po’ di tutto e dove oggi si posso acquistare molte  specialità gastronomiche, quindi abbastanza vicina per poter andarci sia a pranzo che a cena, magari in compagnia delle mie amichette blogger e prendere qualcosa da portare a casa.

Cacciucco di ceci (versione di Paolo Gori)

  • 300 g di ceci già lessati biologici
  • 1 mazzo di bietola
  • 300 ml di vino rosso
  • 4 filetti di acciughe sotto sale
  • 1 spicchio d’aglio
  • carota, sedano e cipolla
  • qualche foglia di salvia
  • olio evo
  • qualche fetta di mane toscano abbrustolita e strusciata con l’aglio (facoltativo ma consigliato)
  • sale e pepe nero macinato fresco

In una pentola con due cucchiai d’olio mettere lo spicchio d’aglio intero e schiacciato, le foglie di salvia e lasciar insaporire per qualche minuto. Eliminare sia l’aglio che la salvia. Aggiungere un battutino di carota, cipolla e sedano, dopo qualche minuto unire anche i filetti di acciuga ai quali NON avrete tolto il sale (questo è un altro suggerimento del Gori, meglio sfruttare il sale delle acciughe che ha in se tutto il loro profumo e sapore e non aggiungere altro sale in cottura) e fateli sciogliere aiutandovi con un cucchiaio di legno. Unite i ceci (se li avete lessati in casa aggiungete anche un po’ dell’acqua di cottura) già lessati e la bietola ben lavata e tagliata grossolanamente. Quando la bietola sarà diminuita di volume aggiungete il vino, tappate la pentola con il coperchio e portate a cottura. Aggiungere un po’ d’acqua all’occorrenza e a seconda della consistenza che preferite dare alla minestra. Servire il cacciucco di ceci ben caldo nelle scodelle in cui potete mettere delle fette di pane toscano abbrustolito e strusciato con l’aglio, condire con un filo d’olio e una macinata di pepe nero.

Seconda versione

ceci e bietola 009

La versione classica del cacciucco di ceci non è da meno, provatele entrambe e vi assicuro che non sarà facile scegliere tra le due. Con l’autunno, finalmente giunto con la sua arietta pulita e fresca, una zuppa calda la sera non può mancare, appaga tutti i nostri sensi. In questo caso ho usato i ceci secchi tenuti a mollo in acqua per 24 ore ma come per la ricetta precedente vanno benissimo dei buoni ceci già lessati.

ceci e bietola 007ceci e bietola 006

Cacciucco di ceci (versione classica)

  • 150 g di ceci secchi precedentemente messi in ammollo per 24 ore
  • 1 mazzo di bietola
  • 1 cipolla
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro sciolto in acqua tiepida per la cottura dei ceci e della bietola
  • 3 pomodori pelati
  • 2 filetti di acciughe
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio evo
  • sale e pepe nero macinato fresco

In una pentola far appassire la cipolla affettata finemente, unire l’aglio schiacciato intero e lasciar insaporire. Eliminare l’agio e aggiungere i filetti d’acciuga, farli sciogliere e unire i pomodori pelati tagliati a pezzi. Unire i ceci e le bietole ben lavate e tagliate grossolanamente,  coprire con acqua tiepida (con il concentrato di pomodoro sciolto), tappare con il coperchio e cuocere per circa 4 ore (anche per questa ricetta si possono utilizzare i ceci già lessati diminuendo notevolmente i tempi di cottura). Salare, pepare e servire il cacciucco di ceci accompagnato da fette di pane toscano abbrustolite.

ceci e bietola 012

Buon fine settimana.

unnamedTradotta in Inglese su worldrecipes

2 Commenti

  • Reply Una cena Da Burde e le crespelle agli asparagi | Una Cena con Enrica, imparando a cucinare con passione 9 aprile 2015 at 08:01

    […] e gastronomia. Ho scoperto la cucina di Paolo Gori qualche mese fa, come ho già raccontato qui, guardando alla televisione l’esecuzione della ricetta del cacciucco di ceci. E’ stato […]

  • Reply Ricetta Tiramisu Tradotta In Inglese – la mia ricetta 14 ottobre 2016 at 14:28

    […] Cacciucco di ceci in due versioni […]

  • Rispondi