crostate, DOLCI, FRUTTA SECCA, mandorle, nocciole, noci, Ricette

Crostata di mele, datteri e frutta secca

3 marzo 2015
crostata di mele e datteri (9)

crostata di mele e datteri (4)

L’altro giorno, presa da questo regime alimentare salutista ho comprato una confezione di datteri, mai assaggiati in vita mia ma sembra che abbiano moltissime proprietà:

“Sono ricchi di ferro, vitamine e sali minerali. Contengono zuccheri naturali che li rendono adatti per dolcificare alimenti e bevande. Il consumo regolare di datteri può contribuire ad abbassare il colesterolo. Sono inoltre un vero e proprio antinfiammatorio naturale adatto in caso di raffreddore e irritazioni alle vie respiratorie. I datteri non contengono colesterolo e presentano una scarsa quantità di grassi. Rappresentano una buona fonte di fibre vegetali e di vitamine del gruppo B, come la vitamina B1, B2, B3 e B5. Contengono inoltre vitamina C. Contribuiscono al buon funzionamento del sistema digestivo, per via della presenza di fibre sia solubili che insolubili e di differenti tipologie di amminoacidi.” (da greenMe.it)

crostata di mele e datteri (10)

Appena ne ho assaggiato uno mi sono subito resa conto che il sapore è buono ma la consistenza, per me, immangiabile! E’ la stessa sensazione che ho quando mangio le mele a pasta farinosa, a me piacciono solo quelle croccanti. Allora, per non buttare via niente, il cibo è un dono e non si spreca, ho pensato a come poter utilizzare i datteri per farmeli piacere. La risposta è stata CONFETTURA! Ho preparato una confettura con una mela golden, i datteri e il succo di mezzo limone, lo zucchero non serve, i datteri sono molto dolci ed ho infornato una crostata fatta con una frolla di farina di farro integrale e olio di vinacciolo. Il colore è un bel marrone biscotto, forse non troppo invitante, monocromatico ma il sapore è buonissimo.

crostata di mele e datteri (8)crostata di mele e datteri (2)

Crostata di farro integrale con confettura di mele, datteri e frutta secca

per la frolla

  • 150 g farina di farro integrale
  • 60 g olio di vinacciolo
  • 1 cucchiaio di frumina
  • 1 cucchiaino di polvere lievitante biologica Biovegan
  • la scorza di mezzo limone gruttugiata
  • 1/2 bicchiere di latte di soia
  • 1 pizzico di sale

per la confettura

  • 1 mela golden
  • 1 confezione di datteri
  • il succo e la scorza grattugiata di mezzo limone
  • frutta secca (6 noci, 6 mandorle e 6 nocciole)

Preparare la frolla mettendo tutti gli ingredienti in una ciotola, impastare e lasciar riposare in frigo mentre si prepara la confettura. In un pentolino mettere la mela sbucciata e tagliata a cubetti, la scorza di mezzo limone grattugiata e i datteri. Cuocere fino a che non diventa un composto cremoso. Passare al passaverdure, aggiungere la frutta secca sbriciolata grossolanamente ed il succo di limone. Stendere la pasta frolla, adagiarla in uno stampo da crostata tondo (la mia ha il diametro di 22 cm) in modo da lasciare un bel bordo alto, bucherellarla, versare la confettura e decorare con delle strisce di pasta frolla. Infornare per 35/40 minuti a 180°.

carote, cavolo crauto viola, Concorso, ERBE AROMATICHE, FORMAGGI, gnocchi, Gran Mugello, maggiorana, origano, PANE E PANIFICAZIONE, PRIMI, Ricette, timo, Uova, VEGETARIANO, VERDURE

Gnocchi colorati su crema di Gran Mugello Fattoria Il Palagiaccio

28 febbraio 2015
gnocchi colorati (48)

gnocchi colorati (3)

Seconda ricetta per il contest con i formaggi della Fattoria Il Palagiaccio per il contest LATTI DA MANGIARE. Se la prima era molto semplice, un’insalata di spinaci novelli con Galaverna del Mugello, questa richiede un po’ più di lavoro ma il risultato vale il tempo che richiede la preparazione. Ho preso spunto dai miei gnocchi di pane, ricetta di recupero del pane posato che preparo spesso in alternativa alla panzanella ed alla pappa al pomodoro. 

gnocchi colorati (20)

Giovedì mattina sono riuscita ad andare al mercato ed ho comprato il cavolo crauto viola e le carote, questo contrasto di colori mi ha fatto venire in mente i bellissimi piatti Pietro Leemann a base di verdure ed avendo un po’ di pane vecchio da consumare mi sono cimentata nella preparazione di questi gnocchi colorati e quale condimento migliore se non una crema di una crema di formaggio? 

gnocchi colorati (33) gnocchi colorati (44)

Gli gnocchi sono di tre tipi diversi, tutti a base di pane, i primi con la carota e la curcuma, i secondi con il cavolo crauto viola e i terzi con le erbe aromatiche del mio giardino. A seconda della stagione in cui volete prepararli potete scegliere altri tipi di verdure, pomodori, zucchine gialle e piselli ad esempio, l’effetto ottico dei colori diversi che otterrete darà al piatto carattere. Ho già preparato anche la terza ricetta, che pubblicherò più avanti, con il Fior di Mugello, quindi ho usato il terzo formaggio della Fattoria Il Palagiaccio, il GRAN MUGELLO, formaggio di atte vaccino pastorizzato, fermenti lattici, caglio, sale,  a pasta paglierina compatta ottimo da consumare fresco ma in questo caso l’ho usato per farne una crema usando anche il latte intero della stessa fattoria.

gnocchi colorati (41) gnocchi colorati (48) gnocchi colorati (47)  gnocchi colorati (50)

Gnocchi di pane alle verdure di stagione su crema di Gran Mugello

  • 250 g di pane toscano raffermo
  • 8/9 cucchiai di farina tipo 2 (ed un po’ per la spianatoia)
  • 1 uovo
  • 2 carote grandi
  • 1 punta di cucchiaino di curcuma
  • 1/4 di cavolo crauto viola
  • 1 mazzetto di erbe aromatiche fresche (timo, maggiorana, origano)
  • sale
  • 200 g di latte intero Il Palagiaccio
  • 20 g di frumina
  • 160 g di Gran Mugello grattugiato
  • olio evo  (pepe nero a piacere)

Mettere il pane secco a mollo in acqua fredda per qualche minuto, nel frattempo pulire le carote e lavare bene il crauto, tagliare a rondelle le carote, a striscioline il crauto e cuocere separatamente a vapore. Passare le carote al setaccio e mettere la purea ottenuta in una ciotola con la curcuma, frullare il cavolo crauto e metterlo in un’altra ciotola, lavare e tritare le erbe aromatiche e mettere in una terza ciotola. Strizzare bene il pane e metterlo in una ciotola capiente, aggiungere l’uovo sbattuto, 3 cucchiai di farina e poco sale, amalgamare bene e dividere  l’impasto ottenuto in parti uguali nelle tre ciotole con le verdure. Impastare separatamente i tre impasti, aggiungere 2 o 3 cucchiai di farina sia in quello con le carote e che quello con il cavolo crauto, preparare gli gnocchi e cuocerli in acqua bollente salata per 2 0 3 minuti. In una piccola casseruola sciogliere la frumina nel latte, portare ad ebollizione e aggiungere il formaggio Gran Mugello, girare in continuazione per qualche minuto fino a che la crema non si sarà addensata. Scolare gli gnocchi, mettere in ogni piatto una base di crema, gli gnocchi colorati e condire con un filo d’olio extravergine d’oliva e pepe nero macinato fresco a piacere.

gnocchi colorati (58)

 

10994168_10153151719321318_7280940317649042363_n

Con questa ricetta partecipo al contest LATTIDAMANGIARE della Fattoria Il Palagiaccio

Concorso, fichi secchi, FORMAGGI, Fornitori, FRUTTA, FRUTTA SECCA, Galaverna del Mugello, nocciole, pere, Piatto unico, Ricette, sale marino integrale, spinaci, Uova, VERDURE

Insalata di spinaci freschi, Galaverna del Mugello , fichi, pere e nocciole

23 febbraio 2015
insalata di spinaci (69)

insalata di spinaci (71)

Chi ha tempo non perda tempo. A dire il vero il tempo a disposizione per fare tutto ciò che dovrei e vorrei fare non basta mai ma ieri ho ricevuto i formaggi della Fattoria Il Palagiaccio per il contest LATTI DA MANGIARE. Di questa Fattoria conoscevo solo pochi prodotti, il latte, il burro, lo yogurt e lo stracchino che trovo all’alimentari vicino a casa dove mi servo abitualmente. Sono ottimi, veramente di alta qualità tanto che mia figlia, da quando compro il latte intero de Il Palagiaccio, ha ritrovato il piacere di bere latte, dice (e confermo) che è come quello che andavamo a prendere in montagna dal contadino, appena munto, quello che sa di crema, di latte vero insomma. Quando ho visto che l’Azienda organizzava un contest con i suoi formaggio ho fatto 2+2, cioè se il latte è squisito ed i formaggi li fanno con quel latte allora i formaggi saranno certamente buonissimi. 

insalata di spinaci (17)

Il regolamento dice che si possono scegliere fino a tre formaggi e che per ognuno si deve creare una ricetta, fotografarla, postarla ed inviare il link alla mail dell’Azienda. Ci sarà un primo premio per la ricetta più CREATIVA, un secondo premio per la ricetta più votata su INSTAGRAM, terzo premio per la ricetta più votata su FACEBOOK, il che vale a dire che partecipo per il piacere di farlo; a creatività, essendo una donna classica, classica anche negli abbinamenti tra alimenti, la vedo dura, su Instagram ho 113 seguaci, sulla pagina FB del blog non arrivo a 300 ed il post più seguito ha avuti 169 visualizzazioni… Anche se non mi piacciono i contest con che si basano sugli I like ricevuti, in questo caso partecipo ugualmente perchè, mantenendo fede alla linea del blog che cerca di valorizzare prodotti del territorio validi, voglio sostenere questa iniziativa e farò del mio meglio. Inizio con la prima ricetta, una semplice insalata di spinaci novelli ricca di sapori, adatta al clima ed alla stagione, gustosa, arricchita da bocconcini di GALAVERNA DEL MUGELLO passati prima nell’uovo sbattuto, poi in una panatura di nocciole e pangrattato di farro integrale e fritti, bocconcini che risultano fuori croccanti e dentro morbidissimi, deliziosi anche mangiati da soli. Il Galaverna del Mugello è un formaggio di latte vaccino pastorizzato, fermenti lattici, caglio e sale a pasta cremificata, ternera con buccia commestibile “a bianchissima crosta fiorita” di delicata muffa “nobile”,  Pastorizzazione del latte e raffreddamento fino a 35-40°C, aggiunta di fermenti lattici e caglio, coagulazione, rottura manuale del coagulo, scarico manuale della pasta negli stampi, salatura manuale a secco, asciugatura e stagionatura.

insalata di spinaci (34)insalata di spinaci (43)insalata di spinaci (45)insalata di spinaci (66)

Insalata energetica di spinaci novelli con Galaverna del Mugello

  • 200 g di spinaci novelli
  • 250 g di Galaverna del Mugello Il Palagiaccio
  • 80 g di nocciole tritate finemente + una manciata intere
  • 60 g di pangrattato di farro integrale
  • 1 pera
  • 2 fichi secchi
  • 1 uovo biologico
  • farina di farro integrale qb
  • olio di arachidi (o di semi di girasole) per friggere
  • olio evo per condire
  • sale marino integrale

Lavare molto bene gli spinaci ed asciugarli. Dividere il formaggio in quattro fette di circa 60 g l’una e tagliare ogni fetta in 8 cubetti. preparare tre ciotole, una con la farina di farro, una con l’uovo sbattuto e la terza con un mix di nocciole tritate e pangrattato. Passare i cubetti di formaggio prima nella ciotola con la farina di farro, poi nella ciotola con l’uovo sbattuto ed in fine nella ciotola con il mix di pangrattato e nocciole tritate, così da ottenere dei bocconcini perfettamente sigillati. Friggere i cubetti di formaggio in olio ben caldo per qualche secondo girandoli una volta, l’operazione deve essere veloce in modo che si formi una crosticina croccante all’esterno e che il formaggio diventi filante ma non liquido all’interno, far asciugar su carta assorbente. comporre l’insalata mettendo per ogni piatto otto cubetti croccanti di Galaverna del Mugello, qualche nocciola sbriciolata grossolanamente, 1/4 di pera sbucciata e tagliata a cubetti piccoli, 1/2 fico tagliato a fettine, condire con olio evo e sale marino integrale e servire subito.

10994168_10153151719321318_7280940317649042363_n

Con questa ricetta partecipo al contest LATTIDAMANGIARE della Fattoria Il Palagiaccio