A cena con Bacco ai piedi della Villa Medicea di Cerreto Guidi

Medicea 2014 007

Gradevolissima cena a Cerreto Guidi in occasione di Medicea 2014, come vi avevo annunciato ieri io non me la sono persa. E’ il terzo anno consecutivo che sono presente e la presenza dello chef Stefano Pinciaroli insieme al sommelier Lorenzo Caponi è stata fondamentale per la riuscita della serata. Quest’anno ci sono stati dei cambiamenti, nuova organizzazione, nuova disposizione dei tavoli e del palco rispetto alla Villa medicea e cena a cura di un nuovo chef, il “Pincia”.

Medicea 2014 003

Anche l’aver abbandonato i piatti di plastica a favore di quelli di porcellana è stato un particolare che ho gradito soprattutto andando a gustare il menù creato dallo chef del Ristorante PS abbinato ai vini vincitori del Concorso Rubino Mediceo che quest’anno ha visto protagonisti molti vini biodinamici, presentati da Lorenzo Caponi insieme alla Piccola Guida libera ai vini di Cerreto Guidi da lui redatta, scaricabile online dal sito del ristorante (cliccando qui).

NICE

Copertina della Piccola guida libera ai vini di Cerreto Guidi di Lorenzo Caponi con il family feeling del Ristorante PS

 

Il nome ha un significato ben preciso e nasconde un aneddoto dell’infanzia di Lorenzo; Nice infatti è il nome della storica fornaia del paese che, insieme al marito, gestiva il panificio. In un piccolo paese tutti si conoscono e si è una grande famiglia tanto che la casa di Nice era diventato per i bambini il luogo per far merenda. Così, un pomeriggio, invece del pane strusciato col pomodoro o della classica fett’unta toscana, la merenda è stata pane, vino e zucchero, un momento tanto intenso che ha segnato evidentemente la vita del futuro sommelier. Nice inoltre dall’inglese si traduce con grazioso, bello, simpatico, onesto, gentile, tutti termini accattivanti per un pubblico straniero che si trova a visitare il territorio alla scoperta dei suoi prodotti tipici.

 Medicea 2014 021

Medicea 2014 028

Dopo una breve introduzione alla cena del nuovo sindaco Simona Rossetti, la parola passa allo chef  Stefano Pinciaroli per la descrizione del primo piatto del menù, terrina di fegatini al vin santo con marmellata di cipolle rosse e croccante di pane  la versione del classico crostino toscano tra tradizione ed innovazione. Ho voluto aggiungere la foto dello stesso piatto servita durante un pranzo nel ristorante perchè ieri sera le luci non erano ottimali per fare le foto ed anche se il sapore e gli accostamenti sono gli stessi, delicati, equilibrati e sorprendenti, anche l’occhio vuole la sua parte. Il vino abbinato è stato il primo classificato dalla giuria popolare nella categoria Vini Bianchi D.O.C.G., D.O.C. e I.G.T. al vino Aithera 2013 Malvasia dell’Azienda Agricola Poggiosecco di Cerreto Guidi, un vino tra il biologico e il biodinamico. Giusto per curiosità e per farvi capire come lavora lo chef nel proprio ristorante, lo stesso piatto lo trovate fotografato qui, durante il press tour 2012. 

Medicea 2014 036

Il secondo antipasto è stato un flan di Dolico con Coulis di pomodoro fresco,  un piatto che sottolinea la scelta dello chef, non dettata dalla moda del momento per i prodotti a Km zero ma per modo in cui è concepita la propria cucina, nella ricerca di prodotti locali di grande qualità come appunto questo ortaggio, il Dolico, un fagiolino che se lasciato maturare ulteriormente diventa un fagiolo da sgranare tendente al rosso. il vino scelto per questo piatto è primo classificato dalla giuria tecnica per la categoria Vini Bianchi D.O.C.G., D.O.C. e I.G.T. al vino Orpello 2012 Trebbiano e Chardonnay della Tenuta Bacco a Petroio di Vinci.

Medicea 2014 041
Come primo è stato servito un piatti di trofie di pasta con ragù di coniglio, prugne, pistacchi e pomodorini secchi abbianto al primo classificato per la giuria tecnica nella categoria Vini Rossi I.G.T. al vino Sine Felle biodinamico 2012 del Podere Casaccia di Scandicci, un vino particolare perchè regala una vera chicca di origine etrusca ovvero l’antico vitigno Giacchè messo in uvaggio con Canaiolo, Malvasia Nera e Sangiovese.

Medicea 2014 047

La quarta portata è un’altra perla della cucina del Pinciaroli, l’anatra al melarancio, un piatto che rappresenta molto bene il territorio ed è un omaggio alla Villa Medicea che, nel maggio scorso, ha ricevuto la targa UNESCO riconoscendola patrimonio mondiale UNESCO, infatti fu Caterina De’ Medici a portare a corte questo piatto, un’anatra condita con succo d’arancio e melograno e cucinata dallo chef per una notte intera a cottura lenta, passata in forno, scaloppata e servita su delle fettine di mele alla piastra e succo d’arancia. A questo piatto sono stati abbinati due vini, il primo classificato sia per la giuria tecnica che quella popolare per la categoria dei Vini Rossi Chianti D.O.C.G. al vino Sine Felle Riserva 2009 del Podere Casaccia di Scandicci, e il primo classificato dalla giuria popolare per la categoria categoria Vini Rossi I.G.T. al vino Cerreto 2011 dell’Azienda Agricola Vitivinicola Giorni di Cerreto Guidi, che è stato il vino che ho apprezzato maggiormente tra tutti.

Medicea 2014 050

Come dolce una deliziosa bavarese dolce del Rubino  incredibilmente gustosa e delicata al tempo stesso, base di cioccolato e rosmarino, bavarese di pinoli di san rossore e coulis di lamponi, accompagnato anche questo dai due vincitori nella categoria Vini Passiti naturali o di vendemmia tardiva D.O.C.G., D.O.C. e I.G.T per la giuria popolare Passito Isola Verde 2005 della Tenuta Isola Verde di Cerreto Guidi e per la giuria tecnica Vinsanto “Occhio di Pernice 2007” della Tenuta di Colle Alberti, il mio preferito.

Medicea 2014 060

Meriti e ringraziamenti a Stefano Pinciaroli, Lorenzo Caponi e tutto lo staff che hanno regalato ai commensali una serata ricca di gusto e piacevolezza.

MEDICEA 2014

10303815_839960626016105_8944013954525610168_n

Ci siamo anche quest’anno all’appuntamento con MEDICEA a Cerreto Guidi, sei giornate tra il 12 e il 20 luglio, ricche di eventi e spettacoli tra cui la Mostra mercato del vino Chianti DOCG con aziende locali che partecipano al Concorso enologico Rubino Mediceo, la cena in piazza ai piedi della Villa Medicea durante la quale si svolgerà la premiazione dei vincitori. Sono stata invitata nel 2012 durante un intenso press tour e nel 2013 con tanto di ripresa televisiva ma la novità di quest’anno è che la cena volta a valorizzare i prodotti tipici locali, tra tradizione ed innovazione  “A cena con Bacco”, è a cura dello chef Stefano Pinciaroli, del Ristorante PS, mentre il sommelier Lorenzo Caponi presenterà La guida dei vini cerretesi. Questo è il menù di stasera, io non mancherò e vi aggiornerò sulla serata prossimamente!

Stefano Pinciaroli

“a cena con bacco”
menù
 

flan di Dolico con Coulis di pomodoro fresco

terrina di fegatini al vin santo con marmellata di cipolle rosse e croccante di pane

trofie di pasta con ragù di coniglio, prugne, pistacchi e pomodorini secchi

anatra al melarancio

dolce del Rubino

Prezzo € 35,00
(prenotazione obbligatoria)
ridotto bambini fino a 12 anni € 20,00
 

Sconto Soci Pro Loco 10%
Tutti i partecipanti riceveranno calice da degustazione omaggio
per info e prenotazioni
tel 0571 55671

 

  • cerca per categorie

  • Archivio ricette mensile

  • Ultimi articoli

  • calendario

    agosto: 2014
    L M M G V S D
    « lug    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Facebook

  • mi trovate a pag.19

  • Un colore al mese per 12 mesi – HO VINTO PER I MESI DI GENNAIO E DI AGOSTO

  • dicono di me

  • mi trovate a pag. 72 e 80

  • mi trovate a pag. 67 e 71

  • riconoscimenti

    Il Blog Affidabile